Alla “Foscolo” il premio di poesia sulla Shoah

Grande orgoglio per la scuola secondaria di 1° grado “Foscolo” che – nel corso del convegno organizzato lunedì 27 gennaio 2020 presso I’Auditorium Parco Urbano “Maggiore La Rosa” in occasione della “Giornata della Memoria” dal titolo “Una poesia per non dimenticare l’orrore. La tragedia del ghetto di Varsavia: Janusz Korczak e l’ultima marcia con i bambini” – ha ottenuto il primo posto ex aequo per le scuole di primo grado nel parallelo concorso di poesia promosso dall’Assesorato alla Cultura. “Janusz Korczak è il tuo nome” è il titolo dell’opera prodotta dall’alunna Annalisa De Francesco che, accompagnata da una articolata motivazione, è stata insignita di una targa a memoria di questa manifestazione che non ha voluto soltanto ricordare la tragedia della Shoah ma anche un grande intellettuale e pedagogo che, pur potendo salvarsi, ha scelto di accompagnare i trecento bambini del suo orfanotrofio verso la morte nel campo di Treblinka. Questa la motivazione: “Il componimento, ben articolato e complesso, si snoda come una pellicola, nella quale le varie immagini documentano l’eccezionalità di un uomo che si sopraeleva sia per cultura sia per la grandezza delle sue doti umane e morali. Un piccolo poema epico, dove la figura dell’eroe si evidenzia per l’amore paterno profuso nei confronti di bambini che, già tristemente toccati da un avverso destino, devono subire le atrocità scaturite da menti folli e perverse. L’autrice ben evidenzia la grande generosità di un personaggio che non esita a condividere l’orribile sorte toccata ai suoi orfanelli, facendoli andare incontro alla morte con fierezza, indossando gli abiti della festa. La chiusa della poesia coglie magistralmente il senso di questa celebrazione: “Ricordare per cacciare il vento dell’intolleranza nei nostri cuori, perché spietata non torni a soffiare e travolgerci”.”